Crediti

Stampa
PDF

La presentazione al pubblico dei risultati della Missione Archeologica a Mozia non può avvenire senza un doveroso ringraziamento alle Istituzioni, ai colleghi e agli amici che hanno reso possibile la ripresa delle attività di ricerca: oltre alle autorità accademiche della Sapienza, il Magnifico Rettore prof. Luigi Frati; il Preside della Facoltà di Filosofia, Lettere, Scienze Umanistiche, Studi Orientali, prof.ssa Marta Fattori; il Direttore del Dipartimento Scienze dell'Antichità, prof.ssa Gilda Bartoloni, e a quelle dell'Assessorato Regionale Siciliano per i Beni Culturali e Ambientali, in particolare il dott. Giuseppe Grado e il dott. Marco Salerno, alla Soprintendenza di Trapani, rappresentata dal Soprintendente prof. Sebastiano Tusa e dal Direttore del Servizio Beni Archeologici, dott.ssa Rossella Giglio. Naturalmente non è possibile dimenticare in primo luogo il Vincenzo Tusa e Antonia Ciasca, autori della prima straordinaria stagione di ricerche a Mozia. Un caloroso ringraziamento per la disponibilità sempre manifestata nei riguardi della Missione va al Presidente della Fondazione G. Whitaker, dott.ssa Maria Enza Carollo, e a tutto il personale della stessa Fondazione che opera sull'Isola di San Pantaleo, antica Mozia. Tra i colleghi, oltre ai primi membri della Missione a Mozia, come Maria Giulia Amadasi, Serena Maria Cecchini, Isabella Brancoli e Giovanni Garbini, si desidera ringraziare in particolare Paolo Matthiae, Andrea Carandini, Andrea Giardina e Mario Liverani, per l'appoggio sempre fornito alla Missione.

Testi, immagini e dati pubblicati, salvo dove diversamente indicato, sono di proprietà della Missione Archeologica a Mozia, e ne è vietata la copia e la riproduzione, anche parziale, senza il consenso dei rispettivi proprietari.

Il sito è stato realizzato da Simone Massi e dal dott. Adriano Orsingher per la Missione Archeologica a Mozia, nella sua versione originale dal dott. Salvatore Tricoli con la collaborazione del dott. Patrizio Di Felice nel 2004. Benché si tratti di un'opera originale e personale, il sito è stato realizzato attraverso il sistema di gestione dei contenuti open source Joomla!: questo spazio è ottimizzato per una normale fruizione con i principali browser disponibili, anche se in ogni caso è consigliabile aggiornare il software con l'ultima versione disponibile per il programma di navigazione utilizzato.

Per malfunzionamenti o chiarimenti è sempre possibile contattare la Missione. Il traffico utenti e tutti gli altri dati statistici relativi sono monitorati dal sistema Google Analytics e da ShinyStat™, quest'ultima piattaforma accreditata come Provider Censuario Audiweb e dunque riconosciuta per la certificazione del traffico internet. In ottemperanza a quanto indicato dalla Legge Stanca (legge 9 gennaio 2004, n. 4) questo sito è realizzato per la totale accessibilità da parte delle persone disabili: ogni eventuale indicazione per migliorare questo tipo di servizio è sempre gradita.

Il sito è stato prodotto e realizzato da Massi Dynamic.

 

Disclaimer

La newsletter della Missione Archeologica a Mozia è un servizio gratuito che permette di poter poter essere aggiornati su argomenti inerenti le attività della Missione ed istituzioni collegate. Iscrivendosi alla newsletter si riceverà una e-mail (con frequenza variabile non periodica) con aggiornamenti ed approfondimenti. Tutti i contenuti inviati vengono sempre resi disponibili anche sul sito internet. Il contenuto delle mail è curato dallo staff della Missione Archeologica a Mozia, che si avvale anche della collaborazione del Dipartimento di Scienze dell'Antichità. Il servizio prevede l'invio, all'indirizzo di posta elettronica indicato, di una mail ad indirizzo generale. La frequenza dell'invio della mail potrà variare, a seconda del tema scelto, fino ad un massimo di due inoltri al giorno. Ogni utente avrà la facoltà di cancellare la propria iscrizione in ogni momento contattando direttamente la Missione Archeologica a Mozia. Il servizio è rescindibile in ogni momento, senza alcuna spesa. Il materiale inviato non potrà contenere inserzioni pubblicitarie o di terzi soggetti. In nessun caso l'invio delle mail comporterà la comunicazione di dati personali degli iscritti ad inserzionisti, fornitori di contenuti o terzi soggetti. Il servizio è sempre gratuito e non comporta alcuna spesa per l'utente.


Live Stream