Zona L

Stampa
PDF

Tra la primavera e l'estate del 2007 uno scavo di emergenza è stato condotto sotto l'egida della Soprintendenza di Trapani sulla sommità dell'Acropoli, circa 100 m a nord-ovest dell'Area E in un settore, denominato "Zona L", nel quale è stata aperta una trincea formata da tre quadrati disposti ad L. Sotto lo strato di humus sono state individuate due fornaci, databili all'epoca tardo-antica, installate sui resti di una residenza (in uso nel V-IV sec. a.C.), di cui sono stati esplorati alcuni ambienti, in particolare una sala da bagno con piano pavimentale formato da un battuto di marna calcarea pressata, con un tubulo idraulico e le impronte in negativo di altre installazioni. Adiacente ad essa era una corte rettangolare, ricavata dall'unificazione di due vani adiacenti, di cui era stato rasato il muro divisorio. In questi due ambienti è stata scavata una sequenza di strati e piani pavimentali pertinenti al VII-VI sec. a.C., che ha restituito anche kotylai protocorinzie e frammenti di piatti e coppe in Red Slip. Lo scavo è proseguito fino al raggiungimento degli strati preistorici, da cui provengono frammenti ceramici pertinenti alle facies culturali di Thapsos e del Milazzese.

Immagini della Zona L:


CSS Gallery:
Could not find folder /web/htdocs/www.lasapienzamozia.it/home/mozia/images/stories/images/mozia/zona L

Live Stream